Resti del Castello di Re Arduino (XI sec.) a San Martino

Presenti ancora alcune vestigia dell'antico castello  

Secondo la tradizione popolare, le origini del Castello verrebbero fatte risalire al Re Arduino, il quale vi avrebbe temporaneamente soggiornato nell’anno 1002.

Anche se questa circostanza può non essere accompagnata da indiscutibili riscontri storici, risulta invece  confermata da numerose ricerche l’esistenza delle fortificazioni del Castello, a partire dal primo secolo del secondo millennio dopo Cristo.

Da allora, questa fortificazione fu al centro di tante vicende e battaglie, divenne di proprietà dei Conti di San Martino, fu distrutta, dapprima, nel 1364, come raccontato da Pietro Azario nel “De bello Canepiciano”, venne nuovamente ricostruita per essere poi distrutta definitivamente nel 1543, durante le guerre franco-spagnole.