Rassegna Interregionale "Ragazzi in Gamba"

Nell'ambito della collaborazione con la Scuola Media, la Comunità Collinare collabora all'organizzazione della manifestazione che coinvolge le scuole del Piemonte, Liguria e Valle d'Aosta.

"Ragazzi in Gamba" e' una rassegna di teatro, folklore, musica, canto, danza, poesia, pittura, video, arte varia delle scuole materne, elementari, medie inferiori e superiori dell'intero territorio nazionale. Accoglie anche gruppi artistici extrascolastici e scuole e gruppi di altre nazionalità che facciano richiesta di partecipazione (hanno partecipato scuole provenienti da Francia, Russia, Romania, Albania).

Ogni anno, nei mesi di settembre/ottobre, viene diffuso in tutti i circoli didattici e in tutte le presidenze di scuola media d'Italia il bando che indice la rassegna. Entro la fine dell'anno le scuole che aderiscono inviano gli elaborati delle varie sezioni.

Solitamente nei mesi di Marzo e Aprile si svolge la rassegna nelle varie sedi con spettacoli, mostre, laboratori teatrali e momenti di animazione per le strade e le piazze e "riti" tipici che sono entrati nella tradizione della rassegna e ne costituiscono l'originalità. Da molti anni la Scuola Media di Strambino fa da catalizzatore per l'organizzazione della rassegna interregionale per il Nord Ovest.

La festa nazionale si svolge nei fine settimana del mese di Maggio a Chiusi secondo una ritualità, ormai collaudata ed apprezzata, che vede alternarsi spettacoli a momenti educativi e comunitari che manifestano lo spirito ed esaltano lo stile della rassegna. Emblematico in questo senso è il "rito della festa e della speranza". Le modalità di partecipazione alla festa variano da anno ad anno, ma si basano essenzialmente sulla disponibilità delle scuole e dei gruppi e sulla rappresentatività, originalità, attualità,qualità dei lavori presentati.  

Gli scopi della manifestazione sono:

  • valorizzare l'educazione artistica ed estetica
  • favorire l'educazione alla creatività ed il risveglio dell'originalità della persona
  • promuovere la crescita delle comunità educanti
  • facilitare lo scambio di esperienze educative e didattiche
  • suscitare, nella gioia e nella speranza, un'autentica promozione umana